PESCA SPORTIVA E TURISMO ATTIVO

NEL CENTRO SARDEGNA

Lago di Cucchinadorza

Il lago Cucchinadorza è un piccolo bacino artificiale che ha una superficie di 1,19 km quadrati ed è situato nella Barbagia di Ollollai, nella vallata tra i monti Su Ballu e Pizzuri. L'invaso del Cucchinadorza è stato ottenuto dallo sbarramento del fiume Taloro, proveniente dal vicino lago di Gusana. Lungo il suo perimetro è insediata una centrale dell'ENEL che utilizza le acque del lago per il raffreddamento delle turbine e la produzione di energia elettrica.

Questa attività idroelettrica ha come effetto il riscaldamento delle acque con conseguente aumento dell'attività biologica del lago e, pertanto, della presenza di pesci.

La zona di maggior interesse per la pesca a spinning è proprio quella in prossimità della centrale. Nel Cucchinadorza dalla fine degli anni novanta, non sono più state effettuate pratiche di ripopolamento e gestione delle acque.

Dalla metà degli anni ’60 fino al 1997 nel lago ha operato la Cooperativa Pescatori Taloro Teti, gestendo una riserva denominata Cucchinadorza  e facente capo ai comuni di Teti e Ovodda. Lungo il corso dei torrenti Taloro, Bisani, Carteni e Dino sono state immesse uova fecondate di trota fario. Durante il periodo di attività la cooperativa ha organizzato nel Cucchinadorza numerose gare di pesca amatoriali, riservate nella maggior parte ai soci e ai pescatori locali.

La fauna ittica presente nel Lago è costituita da persico reale, trota fario, trota sarda, tinca, e carpe di ragguardevoli dimensioni.